Il Massaggio sportivo: la tecnica scelta dal massaggiatore dinamico

Il Massaggio sportivo da al muscolo molti vantaggi: stimola infatti l’attività delle fibre muscolari e favorisce l’elasticità. Questo massaggio è adatto agli atleti di tutte le discipline sportive. Molti sportivi dilettanti pensano che sia dedicato solo a chi pratica sport a livello agonistico, ma non è assolutamente vero. Spesso si consigli anche a chi pratica lo sport in modo dilettantistico di sottoporsi a un massaggio sportivo per prevenire infortuni dovuti ad allenamenti faticosi o pesanti.

Un massaggio fatto in maniera costante può ridurre notevolmente questi problemi. Il massaggio sportivo si divide in 3 tipi di massaggio: pre-gara, post-gara, defaticante. Vediamo insieme le fasi del massaggio sportivo:

  • Massaggio Sportivo pre-gara: serve a preparare l’atleta allo sforzo fisico. Vanno effettuate manovre molto rapide e veloci che  aumentano la temperatura muscolare. Questo trattamento accompagna la fase di riscaldamento. L’atleta viene preparato alla competizione, riducendo alla minima possibilità il rischio di traumi muscolari.
  • Massaggio Sportivo post-gara: si effettua dopo la competizione. Questo massaggio aiuta l’atleta nel recupero muscolare  velocizzando l’eliminazione di acido lattico e tossine. Le manovre sono molto lente e poco profonde.Questo è un massaggio piuttosto piacevole perchè favorisce il rilassamento muscolare. Esso inoltre agisce sul recupero psicofisico e guarisce i micro traumi delle performance.
  • Massaggio Sportivo Defaticante:   si effettua 48 ore dopo la prestazione sportiva. Esso  prevede manovre molto profonde. Infatti è spesso associato al massaggio decontratturante.

Le manovre aiutano a riallungare le fibre muscolari che durante il gesto atletico vanno ad accorciarsi. Il trattamento non sostituisce lo stretching muscolare, anzi si consiglia di farlo dopo il massaggio. Il massaggio sportivo potrebbe essere talvolta doloroso, ma già dal giorno dopo i risultati si vedono.

massaggio sportivo

Il massaggio sportivo: le tecniche spiegate da Diabasi®

Tecniche del massaggio sportivo

Affinchè uno sportivo diventi un atleta, la preparazione fisica è un fattore necessario ma molto spesso è la dimensione psicologica a fare la differenza. Ogni muscolo è avvolto da una guaina di tessuto connettivo fibroso (epimisio). Esso si estende al suo interno, avvolgendo le singole fibre (endomisio) e i fasci in cui si raccolgono (perimisio).

Il massaggio sportivo consente di lavorare sul tessuto connettivo scongiurando il pericolo di aderenze, segnale di disfunzione, tensione o di vere e proprie patologie muscolari. L’ideale è eseguire il massaggio completo lontano dall’allenamento, prestando particolare attenzione ai gruppi muscolari più interessati dal tipo di attività svolta

La tecnica dello scollamento deve essere eseguita dapprima sul tessuto connettivale cutaneo, sollevando la cute con i polpastrelli in direzione longitudinale o traversa rispetto al corpo. Il trattamento si esegue spesso senza l’uso di oli. Consigliati invece qualora lo scorrimento della mano sulla pelle possa essere facilitata o in caso di pelle irritata.

Il Massaggio sportivo: benefici

I numerosi benefici del massaggio sportivo derivano da due fattori:

  1. Azione diretta data dall’aumento del flusso ematico con conseguente ipertermia locale
  2. Azione indiretta data dalla contemporanea eccitazione di terminazioni nervose e conseguente stimolazione del sistema nervoso parasimpatico

Da questi due elementi derivano tutte le proprietà benefiche attribuite al massaggio sportivo, cioè:

  • Riduzione delle tensioni muscolari.
  • Riduzione della frequenza cardiaca e della pressione arteriosa
  • Stimolazione della microcircolazione locale.
  • Effetto drenante abbinato ad accelerata rimozione dell’acido lattico e delle scorie metaboliche prodotte durante l’attività sportiva.
  • Decongestionamento e rilassamento dei i tessuti, abbinato ad accelerata guarigione dalle contratture muscolari
  • Prevenzione degli infortuni.
  • Preparazione muscolare all’attività fisica.

Questi benefici spiegano perché gli atleti prediligono questo tipo di massaggio. Il massaggio sportivo, il massaggio decontratturante e il massaggio rilassante sono infatti scelti da tutti gli amanti dello sport. Per questo motivo chi decide di seguire il corso massaggio sportivo riesce a inserirsi rapidamente nel mondo del lavoro.

Come diventare massaggiatore sportivo 

Per diventare massaggiatore sportivo le strade da seguire sono due.

La differenza fra i due corsi è data sicuramente dalla completezza delle tecniche che si possono imparare. Il corso ti dà le conoscenze solo di questa singola tecnica. Grazie al diploma, invece, potrai diventare massaggiatore sportivo a tutti gli effetti e ottenere un diploma riconosciuto in Italia e in Europa.

La grande richiesta di massaggiatori sportivi consente di lavorare da subito con entrambi i riconoscimenti. La formazione biennale consente però di accedere a luoghi di lavoro più mirati alla professione che si vuole seguire. Il massaggiatore sportivo lavora nei centri sportivi, nelle palestre, nei grandi campi. Ma si può lavorare anche nelle Spa, negli hotel di lusso e in tutti i posti in cui ci si dedichi al benessere.

Per questo motivo Diabasi® ha stilato dei programmi di formazione specifici che hanno ottenuto numerosi riconoscimenti. Inoltre grazie ai nostri servizi si potrà richiedere l’aiuto di un consulente e trovare subito lavoro.

Per sapere quando cominciare consulta il calendario corsi Diabasi®.

 

 

Gli articoli contenuti in questa sezione hanno puro scopo divulgativo/informativo e non intendono sostituire il parere del medico.  I contenuti di cui sopra pertanto non sostituiscono le pagine ufficiali dei corsi e dei prodotti, dove, invece, sono presenti informazioni aggiornate e dettagliate.

Leggi articolo precedente:
Corsi massaggio Monza
Corsi massaggio Monza

CORSI MASSAGGIO MONZA Se vuoi diventare massaggiatore in poco tempo i Corsi massaggio Monza fanno al caso tuo. Il massaggio inizia da quando è comparso...

Chiudi